Chi siamo - ChristArt

Vai ai contenuti

Menu principale:

Chi siamo

 
 


ChristArt
Società Internazionale Per il Collezionismo & l'Editoria d'Arte.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Siamo dei promotori finanziari sull'arte, suggerendo i giusti investimenti grazie alla nostra esperienza più che decennale nel settore artistico.
Diamo l'occasione di investire su autori contemporanei affermati e quindi di formare una collezione esclusiva, offrendo l'opportunità in futuro di avere un eventuale e consistente patrimonio finanziario.
Attualmente il mercato che noi riteniamo il più valido e sicuro, è quello indirizzato alle opere di:
Massimo Mascelli e  Paolo Maccioni.
Nel nostro campionario sono presenti anche altri rinomati autori quali: Giorgio De Chirico, Antonio Ligabue, Mario Ceroli, Salvatore Fiume, Ugo Attardi, Elvio Marchonni, Alberto Sughi, Ugo Nespolo, Mimmo Rotella, Michele Cascella, Renato Natali, Guido Borgianni, Claudio Volpi, Vinicio Berti, Carlo Bertocci, Rodolfo Marma, Elio Bargagni e molti altri.

Tutte le nostre opere d'arte sono certificate per garantirvi l’autenticazione, l'archiviazione e la catalogazione dell'opera stessa.

E' giusto investire oggi in arte contemporanea?

"Sicuramente sì, visti gli indici riportati dalle fonti ufficiali di esperti del settore".
Oggi l'investimento in Opere d'Arte ed in particolar modo in Opere d'Arte Contemporanea può essere veramente considerato un investimento che oltre a rendere nel medio e lungo periodo può addirittura offrire nel breve periodo altissimi tassi di rendimento se la scelta, ove indirizzare le proprie preferenze, risulta azzeccata.
Basti ricordare che gruppi come Microsoft o Deutsche-Bank sono tra i più grandi "investitori" in Opere d'Arte Contemporanea al mondo, con collezioni tra le più vaste ed importanti a livello planetario.
Le stesse Progressive Insurance, UBS and Hallmark, sono focalizzate nel selezionare opere d'arte contemporanea di artisti internazionali.
I maggiori mercati mondiali d'arte restano comunque sempre New York e Londra ma il mercato in ogni caso sta divenendo sempre meno "localizzato" e più accessibile a tutti grazie anche all'avvento delle tecnologie connesse alla rete Internet.
Si rivela quindi oggi fondamentale saper scegliere dove indirizzarsi.

Quanto rende investire in arte?

"L'investimento in arte permette di ottenere nel tempo rendimenti elevati". Secondo William Goetzmann - The Yale School of Management - dal 1900 al 1980 l'investimento in arte ha offerto un rendimento medio annuo in dollari superiore al 17%, mentre secondo David Kusin - Kusin & Company - dal 1988 al 1998 le opere della pittura americana hanno reso mediamente il 14% annuo in dollari.
"Acquistando con l'aiuto di un esperto, dopo qualche anno, l'investimento potrebbero rivalutarsi anche del 200%".

La fiscalità dell'investimento in arte

L'investitore in opere d'arte gode di maggiori vantaggi fiscali rispetto a chi investe nei mercati finanziari o in quelli immobiliari. I privati, infatti, non pagano tasse sulle plusvalenze derivanti dalla compravendita di opere d'arte e la quota del patrimonio investita in opere d'arte non viene periodicamente tassata e "non deve essere inserita nella dichiarazione dei redditi".
"Le opere d’arte non sono soggette a tassazione": per i privati non esiste l’obbligo di denunciarle nella dichiarazione dei redditi, mentre un’impresa può addirittura detrarre le relative fatture come costi di produzione se le opere sono collocate in un locale di rappresentanza. Con le nuove normative vigenti, le opere d'Arte sono detraibili come beni materiali e strumentali, ammortizzando dal totale della fattura una percentuale che varia dal 33% al 46% distribuibile in 4/5 anni.

La fruibilità dell'investimento in arte

L'arte rispetto ad ogni altra forma di investimento tradizionale "permette al possessore di fruire esteticamente dell'opera". Il piacere di appendere un quadro alle pareti di casa e di poterlo contemplare è sicuramente superiore rispetto a possedere il certificato di un titolo azionario o di un fondo d'investimento.

La diversificazione dei rischi

L'obiettivo di ogni risparmiatore è quello di ottenere un buon rendimento dai propri investimenti sostenendo il minor rischio possibile. Per ridurre i rischi occorre diversificare i propri investimenti. L'arte, come gli immobili, rappresenta un'interessante opportunità di "diversificazione per i propri investimenti finanziari".

Come investire in arte

I consigli di due grandi collezionisti americani Victor e Sally Ganz sono i seguenti:
1) dedicare una grande passione e impegno nel collezionare arte
2) concentrare e focalizzare gli sforzi in un ambito ben delimitato
3) maturare una profonda conoscenza della materia
4) acquistare con cura, riflessione ed analisi  facendosi consigliare da esperti nel settore
5) avere pazienza lasciando lavorare il tempo


Per questi ed altri motivi, noi ci permettiamo di dirti che:

"La ChristArt è il giusto inizio per il tuo futuro."

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°



Direttore Commerciale
Alessandro Altamura


 
Torna ai contenuti | Torna al menu